Istituto Comprensivo Stoppani

Cyberbullismo

Il Parlamento, il 17 maggio 2017, all’unanimità, ha approvato la legge n. 71/2017 sul cyberbullismo.

Abbiamo così, per la prima volta, una definizione ufficiale del termine “cyberbullismo”:

“Per cyberbullismo si intende qualunque forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d’identità, alterazione, acquisizione illecita, manipolazione, trattamento illecito dei dati personali in danno di minorenni, nonché la diffusione di contenuti online il cui scopo intenzionale e predominante sia quello di isolare un minore o un gruppo di minori ponendo in atto un serio abuso, un attacco dannoso, o la loro messa in ridicolo».

La legge n.71/2017 sul cyberbullismo. Il testo pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 127 del 3 giugno 2017

La legge 7 febbraio 2017 della Regione Lombardia su bullismo e cyberbullismo

Legge Regionale 7 febbraio 2017 , n. 1

Disciplina degli interventi regionali in materia di prevenzione e contrasto al fenomeno del bullismo e del cyberbullismo

(BURL n. 6, suppl. del 10 Febbraio 2017 ) 

Art. 1

(Finalità)

1. La presente legge, nel rispetto dei principi costituzionali, è volta a prevenire e contrastare il fenomeno del bullismo e del cyberbullismo, in tutte le sue manifestazioni, al fine di tutelare e valorizzare la crescita educativa, sociale e psicologica dei minori, proteggendo e sostenendo in particolare i soggetti più fragili....

 Cyberbullismo: esempi, norme e procedibilità.

 Dalle pagine 66-72 del testo "Garantire i diritti dei minorenni- Vademecum per le forze di Polizia."

 ANSA dell'11 marzo 2016.Cyberbullismo in metà delle scuole, genitori minimizzano.  Ricerca Ps-Censis, per famiglie fenomeno è scherzo tra ragazzi

 

Appost@genitori è un gruppo di genitori che hanno figli che frequentano le tre scuole secondarie pubbliche di primo grado di Seregno (Don Milani, Manzoni, Mercalli) che a diverso titolo hanno interesse e/o hanno vissuto problematiche legate all’utilizzo di telefonini o più in generale social–network da parte dei figli.

Questo gruppo si è costituito allo scopo di trattare da diversi punti di vista l’argomento in questione. Si caratterizza per il fatto di appartenere al territorio e unire le tre scuole secondarie attorno ad un problema condiviso, proponendo a diversi interlocutori, istituzionali e non,  collaborazioni al fine di:

– promuovere iniziative educative e culturali all’interno delle scuole dell’obbligo sull’utilizzo consapevole e corretto di telefonini e di strumenti informatici da parte dei ragazzi.

– sensibilizzare, coinvolgere gli adulti, genitori, insegnanti ed educatori sulla normativa vigente e sui rischi di un utilizzo improprio di strumenti informatici.

– accogliere e indirizzare presso i servizi competenti i genitori che si dovessero confrontare con problematiche legate all’uso improprio della rete da parte di ragazzi.

– stimolare le istituzioni scolastiche, comunali e sanitarie a farsi carico della problematica emergente tra i ragazzi dell’uso scorretto degli strumenti informatici

– promozione di progetti specifici di formazione

 

 



Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.