Criteri formazione classi


 

I criteri seguiti nella formazione delle classi prime dell’Istituto Comprensivo “A. Stoppani” mirano a raggiungere l'equieterogeneità al loro interno e l'omogeneità fra classi parallele.

  

Gli alunni vengono assegnati alle classi tenendo presenti i criteri di seguito riportati.

 Scuola secondaria di primo grado “Don Milani”

  1. Informazioni raccolte dai colloqui con i docenti della scuola primaria.
  2. Informazioni raccolte dalla scheda “Elementi conoscitivi dell’alunno” (impegno, comportamento, valutazioni) e dalla certificazione delle competenze al termine della scuola primaria.
  3. Calcolo della media tra i dati di cui sopra, tabulazione dei dati, raggruppamento degli alunni in fasce omogenee e loro distribuzione tra i diversi gruppi classe con il massimo equilibrio possibile.
  4. Elaborazione grafico e calcolo parametri statistici al fine della comparazione contestuale tra gruppi classe.
  5. Massimo equilibrio possibile tra componente maschile e femminile.
  6. Distribuzione omogenea sulle diverse classi degli alunni DVA, ascoltato il parere del GLI di Istituto.
  7. Distribuzione omogenea sulle diverse classi degli alunni con Bisogni Educativi Speciali.
  8. Distribuzione omogenea sulle diverse classi degli alunni stranieri.
  9. L'inserimento degli alunni nelle classi ad indirizzo musicale terrà conto degli esiti della prova orientativo - attitudinale prevista dal decreto ministeriale del 6 agosto 1999, art 2.

 

 Scuola primaria CADORNA 

  1. Colloqui dei componenti la commissione classi prime con i genitori per l’acquisizione di dati significativi e la presentazione di particolari problematiche.
  2. Compilazione da parte dei docenti della scuola dell’infanzia del questionario osservativo IPDA in versione individuale per tutti gli alunni ad esclusione dei DVA e della scheda riguardante i rapporti sociali.
  3. Informazioni raccolte dai colloqui con i docenti della scuola dell’infanzia.
  4. Valutazione questionari da parte dei componenti la commissione formazione classi prime e attribuzione di   un codice numerico per ciascun bambino.
  5. Tabulazione dati raccolti e formazione gruppi classe con massimo equilibrio possibile in merito alla distribuzione di alunni DVA, BES, Stranieri.

L’abbinamento del gruppo classe alle sezioni verrà effettuato dal DS, prima dell’inizio delle lezioni, tramite sorteggio pubblico alla presenza degli insegnanti delle classi prime e dei genitori.

 

 Scuola primaria STOPPANI 

  1. Compilazione questionario conoscitivo dell’alunno.
  2. Compilazione da parte dei docenti della scuola dell’infanzia del questionario osservativo IPDA in versione individuale per tutti gli alunni ad esclusione dei DVA e della scheda riguardante i rapporti sociali.
  3. Valutazione questionari da parte dei componenti la commissione formazione classi prime e individuazione livello da assegnare ad ogni bambino.
  4. Tabulazione dati raccolti e formazione gruppi classi aperte per successiva osservazione diretta degli alunni in ingresso.
  5. Formazione gruppi classe, a seguito di osservazione diretta, con massimo equilibrio possibile in merito alla distribuzione di alunni DVA, BES, Stranieri.

  

CRITERI formazione classi ad INDIRIZZO MUSICALE scuola secondaria

Premessa

Il Corso ad indirizzo Musicale è opzionale. La volontà di frequentare il Corso è espressa all’atto dell’iscrizione alla classe prima. Una volta superata la prova orientativo - attitudinale, lo Strumento diviene materia curricolare e pertanto obbligatoria, ha la durata di tre anni ed è parte integrante del piano di studio dello studente e materia dell’Esame di Stato conclusivo del primo ciclo.

Le due classi ad indirizzo musicale si compongono ciascuna di 24 alunni (3 per ciascuna specialità strumentale, con la sola eccezione della chitarra, strumento per cui sono previsti 6 alunni per classe). I due gruppi classe ad indirizzo musicale saranno formati con il massimo equilibrio possibile, secondo i criteri generali di equieterogeneità ed omogeneità dettati dal Collegio dei Docenti e approvati dal Consiglio d'Istituto per la formazione delle classi.

Tramite un percorso metodologico di didattica orientativa, teso a favorire una domanda in entrata quanto più possibile diversificata, equilibrata e diffusa, si mirerà a garantire l’equieterogeneità delle classi includendo, al loro interno, alunni che presentino bisogni educativi speciali, fatto salvo l’esito della prova orientativo - attitudinale, perché possano avvalersi dello studio approfondito della pratica musicale come mezzo privilegiato verso il loro personale successo formativo.

  

Per l'inserimento degli alunni in dette classi vengono presi in considerazione i seguenti elementi:

Art. 1. Esiti della prova orientativo - attitudinale, prevista come da D.M.  6/8/1999. La prova viene svolta con le stesse modalità per tutti i candidati, e consiste in un colloquio nel quale la Commissione propone esercizi di difficoltà progressiva mirati a verificare il senso ritmico e l’intonazione dello studente, e nel quale vengono accertate le caratteristiche fisico-attitudinali e la motivazione del candidato, al fine di assegnargli lo strumento ritenuto a lui più congeniale dalla Commissione. Gli esiti della prova vengono comunicati alle famiglie non oltre quindici giorni dopo la scadenza delle iscrizioni (in ottemperanza alla circolare MIUR inerente alle iscrizioni).

Art. 2. Qualora vi siano iscrizioni di alunni diversamente abili all'indirizzo musicale, verranno predisposte prove apposite sulla base del PEI degli alunni stessi e sarà costituita una graduatoria interna specifica per l'assegnazione di un posto per ciascuna classe; nella stesura di tale  graduatoria verrà tenuta in considerazione un’eventuale indicazione della Neuropsichiatria Infantile (U.O.N.P.I.A.), che segnali in modo specifico l'opportunità e/o la necessità per l’alunno di seguire un percorso di strumento musicale, inserendone lo studio nel PEI. Solo nell'eventualità che non vi siano tali iscrizioni il posto sarà assegnato applicando la normale graduatoria ai sensi del regolamento vigente.  

  

Art. 3. Si considera opportuno che non vi siano sezioni stabili ad indirizzo musicale. Si procederà pertanto ad una turnazione annuale mediante l’esclusione dal sorteggio delle sezioni già connotate da tale indirizzo.

CRITERI GENERALI FORMAZIONI CLASSI PRIME.pdf